Man’s World

Lightning Strike – la moto elettrica “made in California”

Lightning Strike electric motorcycle

Quello delle motociclette elettriche è un mercato piuttosto giovane, ma sta crescendo abbastanza in fretta, come dimostra anche l’impegno di un costruttore importante e colmo di storia quale l’Harley-Davidson. Ma la Casa di Milwaukee non è l’unica a credere nelle due ruote a zero emissioni, soprattutto ora che le batterie iniziano a diventare più leggere ed è più semplice trovare loro posto su una moto. In questo settore, infatti, il peso è fondamentale e ottenere un buon risultato dall’equazione massa-autonomia-prestazioni non è affatto scontato. Nelle auto è diverso, perché aggiungere chilogrammi non è un problema irrimediabile, soprattutto se questi vengono posizionati in basso. Ad ogni modo, l’evoluzione è fatta di tentativi e così la piccola factory americana Lightning Motorcycle ha presentato la Strike, che con un prezzo di partenza di 13.000 dollari rappresenta un’alternativa valida anche rispetto a molte motociclette termiche.

Lightning Strike – performance ed efficienza

E del resto per molti motociclisti i quasi 30.000 dollari che servono per portarsi una Harley-Davidson LiveWire, sono davvero troppi. La Lightning Strike arriva dalla Silicon Valley, dove da dieci anni opera l’azienda che la produce. È progettata sia per la guida in pista che per quella veloce su strada e per questo ha un’aerodinamica molto curata, di modo da fendere l’aria ed essere più efficiente possibile. Il motore elettrico è disponibile in due versioni, da 90 o 120 CV. La velocità massima è di 217 km/h nel primo caso e di 241 km/h nel secondo, mentre la massa complessiva va dai 206 ai 220 kg, a seconda del tipo di batteria installato, da cui dipendono sia l’autonomia che il prezzo della moto.

Lightning Strike electric motorcycle

Lightning Strike – diverse opzioni di potenza e ricarica

Ci sono tre opzioni per gli accumulatori: 10, 15 e 20 kWh a cui corrispondono percorrenze da 112/160 km, 169/241 km e 241/322 km; una forbice calcolata su varie tipologie di percorso e velocità medie. Per ricaricare la Strike possono servire dai 20 minuti alla notte intera a seconda del tipo di rete e di presa utilizzate. Però, per potersi connettere alle stazioni di ricarica più veloci bisogna attingere alla lista degli optional, aggiungendo 1.500 dollari per il caricatore on board da 6,6 kW (anziché da 3 kW) e altri 1.500 per la presa “rapida” DC. I prezzi di listino, invece, parlano di 12.998, 16.998 e 19.998 dollari secondo il tipo di batteria richiesta. Attualmente la Lightning Strike è in vendita solo in USA, ma entro la fine dell’anno l’azienda californiana annuncerà i suoi piani di espansione internazionale.

lightningmotorcycle.com

Alessandro Vai