Man’s World

L’Ultima Cena dell’artista Plautilla Nelli

Last Supper by Plautilla Nelli - Adopt an Apostle - beautiful technique in this detail

Plautilla Nelli non è l’artista rinascimentale più famosa, ma la sua è una storia affascinante, fatta di dedizione e determinazione. Nata a Firenze nel 1524 e battezzata come Pulisena Margherita Nelli, divenne monaca all’età di 14 anni e prese il nome di Suor Plautilla. Fu una pittrice autodidatta e la sua vita in convento le impedì di vedere gli ultimi sviluppi dell’arte rinascimentale e manierista. Indipendentemente da questo, anche se avesse avuto un qualsiasi contatto con uomini, era vietata alle donne dell’epoca studiare l’anatomia. Uno storico fiorentino del XIX secolo scrisse, “È tradizione che Suor Plautilla, volendo studiare il nudo per la figura del Cristo, si giovasse di quella di una monaca defunta e le altre suore, celiando, sono solite dire che la Nelli in luogo di Cristi faceva Criste”.

Potete sponsorizzarne il restauro

La sua maggiore opera è l’Ultima Cena, dipinta per il suo convento: 7 metri di lunghezza e 2 metri di altezza, con 13 figure a grandezza naturale. Attualmente in fase di restauro da parte dell’associazione no-profit Advancing Women Artists con sede negli Stati Uniti, la quale ha lanciato un appello per ulteriori finanziamenti, dopo i primi $65.000 donati da 410 donatori nell’ambito di una campagna di crowdfunding. La formula è davvero particolare e interessante: dare le figure in adozione, $10.000 per un apostolo e $25.000 per la figura di Cristo. L’obiettivo è preparare l’Ultima Cena di Nelli per una mostra al Museo di Santa Maria Novella a Firenze nell’ottobre 2019. Al momento della stesura di questo articolo, Tommaso, Simone e Filippo sono ancora in attesa di sponsor.

Un esempio di imprenditoria femminile

Oggi per noi è difficile immaginare le difficoltà a cui andavano incontro le donne nel Rinascimento. All’epoca, una donna non aveva una posizione legale e non poteva emettere una fattura. Nonostante questo Plautilla Nelli è riuscita non solo a diventare una pittrice di successo, ma anche a creare il proprio studio con sole donne. Il reddito del suo studio rendeva il convento autosufficiente. Forse lei stessa era consapevole delle sue capacità, infatti prese l’audace decisione di firmare la sua Ultima Cena come ‘S. Plautilla ‘ aggiungendo un appello personale:’ Orate pro pictora ‘- Pregate per la pittrice.

Per maggiori informazioni e per saperne di più sulla possibilità di adottare un apostolo, vi invitiamo a visitare il sito web advancingwomenartists.org